Villa Adriana

Villa Adriana è un enorme complesso abitativo fatto costruire dall’imperatore Adriano, dal quale prende il nome, tra il 118 ed il 138. La Villa è stata inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità stilata dall’Unesco per le sue caratteristiche uniche e per la sua magnificenza, finora rimasta eguagliata.

Adriano, coltissimo e particolarmente interessato alla cultura ellenistica e all’architettura, stanco del caos e del disordine cittadino decise di far edificare una Villa imperiale a Tivoli, partecipando attivamente alla progettazione del complesso.

Nonostante la Villa sia attualmente una delle Ville di epoca romana meglio conservate, l’intera residenza imperiale è stata più volte saccheggiata. Durante gli scavi, inoltre, numerose opere scultoree vennero portate via, come nel caso delle statue delle Muse, oggi conservate nel Museo del Prado di Madrid. Nel Museo Capitolino sono, invece, conservate le statue dei Centauri di Aristeas e Papias e quella del Fauno Rosso.

Tra gli elementi più suggestivi della Villa, che tra esterni ed interni copre una superficie pari a quella dell’intera area archeologica di Pompei, ci sono il Teatro Marittimo, la Biblioteca Greca, il Pecile, le Grandi e le Piccole Terme.

Dal 1999 la Villa Adriana di Tivoli è stata inserita dall’Unesco nella lista dei siti patrimonio mondiale dell’umanità.

 

 

Commenta