Il Lago di Vico

Nel Lazio ci sono ben tre Parchi Nazionali, integrati in parte o completamente nel territorio regionale. Si tratta del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise (Frosinone), del Parco Nazionale del Circeo (Latina) e del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (Rieti).

Oltre a queste, ci sono numerose aree naturali protette sia livello regionale che locale, come la Riserva naturale Lago di Vico, estesa su più di 4000 ettari nel comprensorio della Provincia di Viterbo.

Il Lago di Vico, di origine vulcanica, è uno dei laghi più pittoreschi e suggestivi della Regione, circondato da folti boschi e da una natura amena e quasi incontaminata.

Tutta la vallata è ritenuta di notevole valore naturalistico e faunistico e per questa ragione qui è stata istituita nel 1982 la Riserva naturale del Lago di Vico.

Il territorio protetto, che un tempo comprendeva la sola area lacustre del Comune di Caprarola, è stato successivamente ampliato includendo anche Ronciglione nel 2008.

Tra la fauna protetta nella Riserva ci sono numerose specie di rapaci, uccelli, pesci e mammiferi. Il simbolo del Parco è proprio un bellissimo e raro uccello acquatico, lo Svasso Maggiore.

Le piante più diffuse sono i Faggi, gli Aceri, i Noccioli, le Querce e i Castagni. Da non perdere la faggeta di Monte Venere.

 

Commenta